Mostra: 1 - 9 of 9 RISULTATI
Parlami in silenzio Modì

Modigliani e Max Jacob alla ricerca dell’occulto

Una delle amicizie più importanti che Modigliani ha a Parigi è quella di Max Jacob. Marx è un critico d’arte, pittore, cartomante, poeta. Di seguito alcuni suoi versi: Paris, la mer qui pense apporte ce soir au coin de ta porte Ô tavernier du quai des Brumes sa gerbe d’écume Parigi, il mare che pensa …

Parlami in silenzio Modì

Modigliani al villaggio Montmartre, tra artisti e saltimbanchi

Nel 1906 Amedeo Modigliani giunge a Montmartre. Il pittoresco quartiere di Parigi, dove oggi approdano migliaia di visitatori e turisti, in quegli anni è per molti aspetti un villaggio, in quanto non è interessato dai rinnovamenti che nello stesso periodo opera l’urbanista Haussmann. Gli edifici versano in uno stato di decadenza evidente e vecchi mulini …

Parlami in silenzio Modì

Amedeo Modigliani sulle Dolomiti, alla ricerca del fuoco sacro

Prima di trasferirsi a Parigi Amedeo Modigliani vive in Italia, soggiornando in diverse città, tra Livorno, Firenze e Venezia. Nel 1904 si trova a Venezia, ma la sua salute è sempre molto fragile e subisce l’umidità del clima veneziano. Decide di andare a trascorrere qualche giorno in montagna, a Misurina sulle Dolomiti. Durante questo periodo …

Parlami in silenzio Modì

Presenze incarnate nella pietra di Modigliani

Amedeo Modigliani, tra il 1909 al 1914, si dedica quasi interamente alla scultura. Con lo scalpello in mano attacca la pietra, stabilendo un dialogo silenzioso con la scultura del suo amico Brancusi, ma anche con le maschere africane e le sculture primigenie che ammira al museo del Trocadero di Parigi. Lavora utilizzando un procedimento “a …

Parlami in silenzio Modì

Zborowski e Modigliani: la certezza del successo

Nel 1917 avviene un incontro decisivo per il percorso di affermazione di Amedeo Modigliani. Léopold Zborowski diventa il suo nuovo mercante. I due saranno presto amici e Modigliani lo chiamerà spesso col diminutivo di Zbo. Zborowski è un giovane poeta polacco, giunto a Parigi nel 1910 per studiare presso l’Ecole du Louvre. Ma presto scoppia …

Parlami in silenzio Modì

Gli elementi simbolici nelle opere di Modigliani

Nel 1915 Max Jacob decide di presentare Modigliani a Paul Guillaume, giovane interessato a commerciare l’arte. Guillaume era di origini modeste e aveva cominciato da semplice impiegato in una ditta di importazione della gomma. Introdotto nel mondo artistico aprì la prima galleria in rue Miromesnil, nel quartiere delle grandi gallerie istituzionali. Guillaume apprezzò subito i …

Parlami in silenzio Modì

Modigliani: l’italien

Amedeo Modigliani, nonostante trapiantato a Parigi nella parte più significativa della sua vita, rimane per sempre un italiano. Chi lo ha frequentato nella capitale francese lo dimostra. Le modelle hanno testimoniato che mentre dipingeva parlava solo in italiano. I mercanti raccontano di come amasse citare Dante e professare apertamente le sue origini. Studiando sia la …

Parlami in silenzio Modì

Dedo il filosofo

Per molti appassionati di arte la figura e l’opera di Amedeo Modigliani appaiono a volte complesse e misteriose. La sua vita, connotata da difficoltà e miseria in molti episodi, mostra spesso una personalità contraddittoria. Eppure uno studio approfondito della biografia può svelare particolari inaspettati che delineano una soggettività molto forte e, allo stesso tempo, sensibile …

Parlami in silenzio Modì Pubblicazioni

“Parlami in silenzio Modì” di Giovanna Strano, Aiep editore

In uscita il nuovo romanzo sulla vita di Amedeo Modigliani, come non è stata mai narrata: “Parlami in silenzio Modì”, Aiep Editore. Amedeo Modigliani è un giovane livornese, di famiglia ebrea, amante dell’arte e assetato di sapere. Dopo viaggi condotti in Italia, che rafforzano quella voce interiore che lo condurrà verso un impegno costante e …