Nell’insieme delle interpretazioni che sono state date alla Primavera del Botticelli, custodita alla Galleria degli Uffizi, emerge una teoria secondo la quale nel dipinto sia stato raffigurato il calendario rurale connesso alle stagioni.

Uno di questi studi è stato condotto da Ernesta Battisti nel 1954, la quale esprime una netta avversione alle interpretazioni date in precedenza. Secondo la studiosa la Primavera esprimerebbe il modo di vedere i fenomeni naturali della vita. A destra sarebbe raffigurata la primavera nel suo nascere, culminante con Venere, alla quale seguirebbero l’estate e l’autunno.

Lo stesso Poliziano scriveva:

Né mai le chiome del giardino eterno

Tenera brina o fresca neve imbianca:

Ivi non osa entrar ghiacciato verno;

Non vento o l’erbe o gli arbuscelli stanca;

Ivi non volgono gli anni di lor quaderno;

Ma lieta Primavera mai non manca…

I personaggi dipinti esprimerebbero ciascuno un mese. Zefiro è il mese di febbraio ventoso, che fa nascere la nuova vita e una nuova stagione. Clori è la rappresentazione di marzo, con i fiori trattenuti sulle labbra come una promessa. Flora è la grande fioritura di aprile. Venere gravida è il mese di maggio. Le Tre Grazie simboleggiano l’estate e quindi i mesi di giugno, luglio e agosto. Mercurio rappresenta settembre.

Dallo studio emerge che Botticelli si sia ispirato al calendario rustico di Romolo, che aveva solo dieci mesi.

A supporto di tutto questo ci sarebbe una fonte iconografica di riferimento, una incisione di Virgilio Solis del 500, che aveva come titolo Primavera e conteneva tutti personaggi ripresi nel quadro di Botticelli.

Sulla stessa scia si colloca l’interpretazione dello studioso Dempsey, che ritrova i tratti dell’amore sognato da Lorenzo il Magnifico celebrato nella poesia degli umanisti che egli ha raccolto intorno a sé. Questo amore anima un vero rinnovamento della vita del mondo, mostrato qui nella forma della natura.

Per l’osservatore che si trova davanti alla grande tavola, in effetti non possiamo negare che vi sia una totale immersione nella bellezza del creato e dell’alternarsi delle stagioni, trionfanti nella fioritura delle piante rigogliose e piene di bellezza.

La Diva Simonetta - la sans par

Brano tratto da “La Diva Simonetta – la sans par”:

Botticelli lavorò al quadro ancora per mesi, aggiungendo
particolari, ricercando la perfezione del tratto, l’armonia dei
visi e delle espressioni, in un’aurora celestiale che riusciva a
dare pace anche al più disperato degli uomini.
Simonetta al centro non era più una donna, forse era una
dea, forse una Madonna, comunque un essere che non aveva
ormai nulla di umano ma nei cui occhi si poteva scorgere
e scoprire l’intima essenza della vita, la ragione dell’esistenza,
la coerenza della morte terrena. La natura insita in ogni
cosa.

Informazioni sull'autore

Dirigente Scolastico e scrittrice, attualmente dirige un istituto di istruzione secondaria superiore a elevata complessità organizzativa, con indirizzi artistici, tecnici e professionali. Svolge funzioni ispettive nelle scuole statali e paritarie, è impegnata da molti anni nella formazione di figure apicali e dirigenziali della scuola, collabora con riviste specializzate del mondo educativo.
Per Edizioni Simone e Strige Edizioni ha pubblicato manuali di preparazione dei dirigenti scolastici e dei docenti, con largo consenso in ambito scolastico.
Per Euroedizioni ha pubblicato testi per la formazione dei dirigenti scolastici e collabora con i periodici “Dirigere la scuola” “Amministrare la scuola” “Fare l’insegnante”.
Scrive in riviste di attualità, come il mensile “Bella Magazine”, “Così” e altre testate giornalistiche, con contributi inerenti all’ambito educativo, formativo e artistico.
Appassionata di arti figurative è curatrice scientifica della Mostra “Van Gogh Multimedia Experience” nelle edizioni di Monreale, Venezia, Torino e Parma, Capitale Italiana della Cultura 2020.
Nell’ambito delle scrittura creativa è autrice di numerose opere letterarie di vario genere che hanno riscosso consensi e riconoscimenti. Ha pubblicato il romanzo “Vincent in Love – il lavoro dell’anima” edito da Cairo, il romanzo storico “La Diva Simonetta – la sans par” AIEP Editore, il romanzo Fantasy “Il bianco gelsomino – non esistono amori impossibili”, Delos Digital.
Ultima pubblicazione “Parlami in silenzio Modì” AIEP Editore 2020. Nel 2021 è prevista la pubblicazione del romanzo storico “Lo specchio delle stelle” Nuova Ipsa Editore.

Ti potrebbe piacere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *