Mostra: 1 - 10 of 33 RISULTATI
Parlami in silenzio Modì

Jeanne: la Venere di Modigliani

25 gennaio 2021. Un altro anniversario tragico nel ricordo di Amedeo Modigliani. 101 anni dalla morte della sua compagna Jeanne Hébuterne, madre di sua figlia Giovanna. Jeanne rappresenta per Modì la purezza della giovinezza, unita alla sensualità e alla grazia di una bellezza pura, di cui Amedeo si innamora subito. La prima rappresentazione grafica di …

Parlami in silenzio Modì

Centouno anni dalla morte di Amedeo Modigliani: 24 gennaio 2021

Sono ancora lì, racchiuso nelle tele, a rispecchiarmi negli occhi vitrei dei soggetti, a sorridere nei loro visi, fremente di passione. Rivivo incessantemente nelle menti di tutti voi, nelle lacrime che inumidiscono gli occhi. Nell’emozione del presente. Respiro del vostro alito. Gioisco nella vostra anima. Cercatemi, sono nella parte più intima di voi stessi. Brano …

Parlami in silenzio Modì

Jeanne Hébuterne: la noce di cocco di Modigliani

Amedeo Modigliani è un uomo estremamente passionale. Si innamora con entusiasmo della donna amata e, nel 1917, conosce la piccola Jeanne, studentessa all’Académie Colarossi, soprannominata noix de coco, noce di cocco, per via della carnagione chiara e dei folti capelli scuri che porta annodati in spesse trecce. È una figura avvolta da un certo mistero. …

Parlami in silenzio Modì

Modigliani e il cannibale messicano

Tra i tanti artisti che Modigliani frequenta a Parigi vi è quello che lui definisce “il cannibale messicano”. Diego Rivera, pittore e muralista messicano, famoso per la tematica politica e sociale di ideologia comunista delle sue opere, e per essere poi diventato marito di Frida Kahlo, si trasferisce a Parigi intorno al 1914 e condivide …

Parlami in silenzio Modì

La vita è un dono. Inno alla bellezza dell’esistenza di Amedeo Modigliani

“La vita è un dono, dei pochi ai molti, di coloro che sanno e che hanno a coloro che non sanno e che non hanno.” Amedeo Modigliani ama citare questa massima ispirata da Gabriele d’Annunzio. Il significato di tale espressione assume un valore particolare perché nessun altro, meglio di lui, comprende la bellezza fuggevole della …

Parlami in silenzio Modì

Una pistola puntata alla testa di Modigliani

Studiando la biografia di Amedeo Modigliani emergono una serie di episodi che definiscono in modo nitido la vita degli ambienti parigini del primo novecento, frequentati da artisti, poeti, personaggi che determineranno la storia dell’arte futura. Tra questi accadimenti ve ne sono di poco conosciuti, come quello in cui Amedeo Modigliani vede puntare contro di sè …

Parlami in silenzio Modì

Gli elementi simbolici nelle opere di Modigliani

Nel 1915 Max Jacob decide di presentare Modigliani a Paul Guillaume, giovane interessato a commerciare l’arte. Guillaume era di origini modeste e aveva cominciato da semplice impiegato in una ditta di importazione della gomma. Introdotto nel mondo artistico aprì la prima galleria in rue Miromesnil, nel quartiere delle grandi gallerie istituzionali. Guillaume apprezzò subito i …

Parlami in silenzio Modì

Modì: la consapevolezza della fine e dell’infinito

“Non avrei mai accettato la fine se non avessi avuto certezza dell’infinito” Amedeo Modigliani La vita di Amedeo Modigliani è stata assegnata, ripetutamente, dalla malattia che lo ha inseguito sin da giovanissimo. Consapevole che il ticchettio del tempo non gli avrebbe dato possibilità di meditare e raggiungere le tappe gradatamente, ha cercato sempre di correre, …

Parlami in silenzio Modì

Modigliani e Picasso: la grande avventura a Montparnasse

I rapporti tra Modigliani e Picasso sono stati studiati e interpretati in modo controverso, fino a dare un’immagine distorta di contesa perenne e oppositiva. Tutto questo non corrisponde a verità. Nel 1907 Modigliani visita lo studio di Picasso al Bateau-Lavoir e vede per la prima volta il dipinto dal quale nascerà il Cubismo: Les demoiselles …

Parlami in silenzio Modì

Beatrice Hastings e Modì: amore di passione e di furore

Amedeo Modigliani conobbe una delle donne più importanti della sua vita nell’estate del 1914, innamorandosene perdutamente. Beatrice Hastings era una poetessa, giornalista, direttrice di giornale, scrittrice. Il loro incontro avvenne alla Rotonde, e Beatrice riferisce che il primo impatto fu di repulsione, tanto da definirlo “porco”. Al secondo appuntamento tale parola diventò “perla”. Beatrice aveva …