Il romanzo “Il diavolo sulla quarta corda – Nicolò Paganini e il suo Cannone”, Soncini Editore, nasce con l’intento di riuscire a rendere la magia della musica attraverso quella delle parole.

La narrazione si concentra su uno dei geni indiscussi della Musica: Nicolò Paganini.

Un interprete moderno è David Garrett, violinista talentuoso sin da giovanissimo, che ha anche interpretato il ruolo del musicista nel film “Il violinista del diavolo”.

Oggi voglio condurvi all’ascolto di uno dei brani composti da Paganini, che descrivo all’interno del romanzo. Ma per una comprensione totale del brano vi invito a seguire le istruzioni, in modo da abbinare esattamente la musica alle parole e viaggiare insieme a me alla scoperta della magia più totale.

Cliccate sul video sotto, dove David Garrett suona il Caprice n.24 di Paganini. Fate partire la musica e cominciate a leggere il brano riportato sotto.

Brano tratto dal romanzo “Il diavolo sulla quarta corda”:

Paganini prese il violino osservando il pubblico.

«Eseguirò il Capriccio n. 24, pensato per i miei studenti, al fine di onorare il vostro cortese invito.»

Si voltò verso gli orchestrali che ricercarono gli spartiti, in quanto avevano già eseguito il pezzo. Lo Stradivari, con impeto, propagò la sua voce ferma, sicura, marcando un ritmo sontuoso.
Dopo la prima frase, l’orchestra iniziò gradatamente l’accompagnamento, segnato da abbellimenti svolazzanti del
violino. Il suono sembrò simulare un librarsi di vento, che piano diventò fasciante, lento, sensuale e morbido. Lievi tocchi dello xilofono segnarono piccole gocce di pioggia, o di rugiada, che caddero gioiose.

Più avanti, le note alte del violino ancora piroettarono. Erano una primadonna, una ballerina fluttuante, tra veli luccicanti. Si muoveva sinuosa assumendo forma eterea, e il pubblico fu rapito dal suo fascino passionale. Ancora passi leggeri di danza, al centro dell’aria, e poi saltelli ritmici e allegri. Ognuno, nella sala, pensò di poter danzare, e i piedi delle dame iniziarono a ticchettare sotto le gonne.

A un tratto avvenne ciò che nessuno si sarebbe mai aspettato, neanche i musicisti che conoscevano il pezzo. Paganini era sceso dal palco avvicinandosi alla principessa. Alto e slanciato, superiore agli astanti completamente soggiogati, variava la composizione, guardando fissa la donna, ormai pendente dalle sue mani veloci e potenti. Cominciò a stuzzicare con la mano sinistra le corde lungo la tastiera, emettendo un tono simile a quello della chitarra pizzicata. Eppure differente, in quanto contemporaneamente l’archetto agevolava la morbidezza dei suoni sfiorando le corde.

Poi ancora il canto sinuoso dello strumento sembrò un flauto, sottile e flessuoso, come una lama che dolcemente penetra nelle carni per non uscirne più. La forza dell’orchestra riprese vigore. Eppure sempre primeggiava la voce sottile e flautata del violino. Paganini ritornò sul palco, dirigendo da vicino gli orchestrali con le movenze del corpo, mentre continuava a condurre la melodia col violino. Di nuovo impeto pressante, sempre più coinvolgente. Il suono del violino correva avanti e l’orchestra dietro, in un gioco strepitoso denso di emozioni.
Il maestro si muoveva assecondando il moto dell’armonia, e i capelli lunghi sulle spalle accompagnarono svolazzanti
ogni gesto, ogni movimento. Gli animi dei presenti seguivano la rincorsa, palpitando di enfasi. E lui sovrastava ancora, padrone indiscusso della musica. Quattro colpi finali dell’orchestra, all’unisono, stopparono l’acuto del violino vibrante.
Uno scroscio di applausi concluse l’esibizione, e molti si alzarono anche in piedi, presi dall’esaltazione. La principessa
sembrò svenire, sorretta dal marito.

Mai nessuno aveva suonato a quel modo.

Volete continuare a viaggiare nella magia della musica? Potete farlo leggendo il romanzo… buon inizio!

ACQUISTA IL VOLUME SENZA SPESE AGGIUNTIVE DI SPEDIZIONE

Informazioni sull'autore

Dirigente Scolastico e scrittrice, attualmente dirige un istituto di istruzione secondaria superiore a elevata complessità organizzativa, con indirizzi artistici, tecnici e professionali. Svolge funzioni ispettive nelle scuole statali e paritarie, è impegnata da molti anni nella formazione di figure apicali e dirigenziali della scuola, collabora con riviste specializzate del mondo educativo.
Per Edizioni Simone e Strige Edizioni ha pubblicato manuali di preparazione dei dirigenti scolastici e dei docenti, con largo consenso in ambito scolastico.
Per Euroedizioni ha pubblicato testi per la formazione dei dirigenti scolastici e collabora con i periodici “Dirigere la scuola” “Amministrare la scuola” “Fare l’insegnante”.
Scrive in riviste di attualità, come il mensile “Bella Magazine”, “Così” e altre testate giornalistiche, con contributi inerenti all’ambito educativo, formativo e artistico.
Appassionata di arti figurative è curatrice scientifica della Mostra “Van Gogh Multimedia Experience” nelle edizioni di Monreale, Venezia, Torino e Parma, Capitale Italiana della Cultura 2020-2021.
Nell’ambito delle scrittura creativa è autrice di numerose opere letterarie di vario genere che hanno riscosso consensi e riconoscimenti. Ha pubblicato i romanzi “Vincent in Love – il lavoro dell’anima” edito da Cairo, “La Diva Simonetta – la sans par” AIEP Editore, il romanzo Fantasy “Il bianco gelsomino – non esistono amori impossibili” Delos Digital, “Parlami in silenzio Modì” AIEP Editore. Nel 2021 ha pubblicato del romanzo storico “Lo specchio delle stelle” Nuova Ipsa Editore, il romanzo “Il diavolo sulla quarta corda – Nicolò Paganini e il suo Cannone” Soncini Editore, il romanzo "I fantasmi di Dioniso - Mario Tommaso Gargallo e il sogno del Teatro Classico a Siracusa" Morellini Editore.

Ti potrebbe piacere:

Lascia un commento