L’opera, custodita alla Galleria degli Uffizi, è stata realizzata da Sandro Botticelli tra il 1482 e il 1485. In essa è riconoscibile Simonetta Cattaneo Vespucci nelle sembianze della dea Venere che nasce dal mare, sostenuta da una conchiglia.
L’opera è postuma alla scomparsa di Simonetta, avvenuta prematuramente il 26 aprile 1476, quando la giovane aveva 23 anni. Per tale motivo Botticelli ha potuto riprodurla spogliata dalle sue vesti, in quanto non era ammissibile che una donna vivente venisse ritratta denudata. Per lo stesso motivo Simonetta diventa un’icona di bellezza senza tempo, la cui bellezza e leggiadria è stata riportata da artisti e letterati in svariate opere e componimenti.

Così scrive Agnolo Poliziano nelle Stanze per la Giostra di Giuliano:

“Sovente in questo loco mi diporto,

qui vegno a soggiornar tutta soletta;

questo è de’ mia pensieri un dolce porto,

qui l’erba e’ fior, qui il fresco aier m’alletta;

quinci il tornare a mia magione è accorto,

qui lieta mi dimoro Simonetta,

all’ombre, a qualche chiara e fresca linfa,

e spesso in compagnia d’alcuna ninfa.

Io soglio pur nelli ociosi tempi,

quando nostra fatica s’interrompe,

venire a’ sacri altar ne’ vostri tempî

fra l’altre donne con l’usate pompe;

ma perch’io in tutto el gran desir t’adempie

’l dubio tolga che tuo mente rompe,

meraviglia di mie bellezze tenere

non prender già, ch’io nacqui in grembo a Venere”.

Nel romanzo “La Diva Simonetta – la sans par”, Aiep Editore, è raccontata la vita di Simonetta Cattaneo.

La Diva Simonetta - la sans par

Brano tratto da “La Diva Simonetta – la sans par”

“Davanti a noi prendeva forma, sotto le pennellate lente e precise del maestro, la Diva Simonetta. Nelle vesti di Venere, appena sgorgata dal mare, la leggiadra figura si presentava in tutta la sua sensualità mentre, pudicamente, tentava con le mani di coprire le nudità. Una larga conchiglia la sosteneva sull’amato mare, mentre cespugli di capelli biondi le scendevano giù dalle spalle aleggiando soavemente nel vento di primavera. La pelle era bianca, quasi splendente, forse grazie al riflesso della luce sulla madreperla della conchiglia, a denotare la purezza della sua anima. Botticelli stava lavorando con un fine pennello a spandere l’oro dei capelli. Filo per filo ondeggiavano voluttuosi nel cielo limpido e si capiva come il maestro avesse perso tutto quel tempo a disegnarli uno per uno”.

Informazioni sull'autore

Dirigente Scolastico e scrittrice, attualmente dirige un istituto di istruzione secondaria superiore a elevata complessità organizzativa, con indirizzi artistici, tecnici e professionali. Svolge funzioni ispettive nelle scuole statali e paritarie, è impegnata da molti anni nella formazione di figure apicali e dirigenziali della scuola, collabora con riviste specializzate del mondo educativo.
Per Edizioni Simone e Strige Edizioni ha pubblicato manuali di preparazione dei dirigenti scolastici e dei docenti, con largo consenso in ambito scolastico.
Per Euroedizioni ha pubblicato testi per la formazione dei dirigenti scolastici e collabora con i periodici “Dirigere la scuola” “Amministrare la scuola” “Fare l’insegnante”.
Scrive in riviste di attualità, come il mensile “Bella Magazine”, “Così” e altre testate giornalistiche, con contributi inerenti all’ambito educativo, formativo e artistico.
Appassionata di arti figurative è curatrice scientifica della Mostra “Van Gogh Multimedia Experience” nelle edizioni di Monreale, Venezia, Torino e Parma, Capitale Italiana della Cultura 2020-2021.
Nell’ambito delle scrittura creativa è autrice di numerose opere letterarie di vario genere che hanno riscosso consensi e riconoscimenti. Ha pubblicato i romanzi “Vincent in Love – il lavoro dell’anima” edito da Cairo, “La Diva Simonetta – la sans par” AIEP Editore, il romanzo Fantasy “Il bianco gelsomino – non esistono amori impossibili” Delos Digital, “Parlami in silenzio Modì” AIEP Editore. Nel 2021 ha pubblicato del romanzo storico “Lo specchio delle stelle” Nuova Ipsa Editore, il romanzo “Il diavolo sulla quarta corda – Nicolò Paganini e il suo Cannone” Soncini Editore, il romanzo "I fantasmi di Dioniso - Mario Tommaso Gargallo e il sogno del Teatro Classico a Siracusa" Morellini Editore.

Ti potrebbe piacere:

Lascia un commento