Il 14 luglio 1805 Elisa Bonaparte Baciocchi fa il suo ingresso trionfale a Lucca.

Sorella di Napoleone Bonaparte è stata da lui incoronata principessa di Lucca e Piombino. La dama stabilisce la sua corte a Lucca, con l’intento di rinnovarne la vitalità e di incentivarne l’arte e la cultura.

Nicolò assiste a una serata elegante dove Elisa Baciocchi indossa un abito da regina assiro-babilonese. Successivamente Elisa si fa riprendere in quella foggia in un ritratto eseguito dal pittore François Gérard. 

La donna è subito affascinata dalla potenza della musica del violinista.

Elisa Bonaparte arriva a Lucca su una carrozza tirata da quattro cavalli e seguita da 24 staffieri. La principessa è nevrotica e ingurgita, come sedativi, litri di latte di capra. Si circonda di sfarzo e per pagare le spese fa riaprire le case di marmo di Carrara da dove produce in serie il busto di Napoleone che smercia in tutta Europa.

Elisa concede a Paganini varie decorazioni e nomine, come quella di Capitano della Gendarmeria Reale di Lucca e Piombino. Elisa ama molto la musica di Paganini, tanto da cadere spesso in svenimenti. In quegli anni Paganini le dedica il “Duo Merveille”. Nel 1809 Elisa diventa granduchessa di Toscana e Paganini la segue a Firenze.

Elisa passerà ai posteri come la Semiramide Lucchese, una donna leggendaria di cui hanno scritto in molti, indicata come dedita al peccato e alla lussuria. Dante Alighieri la colloca nel secondo cerchio dell’Inferno della sua Divina Commedia, Giovanni Boccaccio la condanna come libidinosa, ambiziosa e crudele.

Brano tratto dal romanzo “Il diavolo sulla quarta corda”:

Elisa sorrise. Paganini notò come lei avesse cambiato totalmente atteggiamento rispetto al primo approccio, avuto nel momento della loro conoscenza. Adesso sorrideva sempre, qualunque parola lui dicesse.

Il musicista capì che avrebbe potuto ottenere qualsiasi cosa. Bastava che lo chiedesse.

«Realmente, se sono riuscita ad avere questo effetto su di voi, allora dovremmo fare in modo che suoniate più spesso per me… per amore dell’arte» Elisa lo guardava diretto negli occhi.
Il giovane sorrise, facendo una leggera smorfia: «Non manca certo da parte mia, signora! Dovrei avere un
incarico stabile presso la vostra corte» Paganini lasciò cadere così la frase, per cercare di capire quali fossero le intenzioni della sovrana.

ACQUISTA DALLO STORE SENZA SPESE DI SPEDIZIONE

Informazioni sull'autore

Dirigente Scolastico e scrittrice, attualmente dirige un istituto di istruzione secondaria superiore a elevata complessità organizzativa, con indirizzi artistici, tecnici e professionali. Svolge funzioni ispettive nelle scuole statali e paritarie, è impegnata da molti anni nella formazione di figure apicali e dirigenziali della scuola, collabora con riviste specializzate del mondo educativo.
Per Edizioni Simone e Strige Edizioni ha pubblicato manuali di preparazione dei dirigenti scolastici e dei docenti, con largo consenso in ambito scolastico.
Per Euroedizioni ha pubblicato testi per la formazione dei dirigenti scolastici e collabora con i periodici “Dirigere la scuola” “Amministrare la scuola” “Fare l’insegnante”.
Scrive in riviste di attualità, come il mensile “Bella Magazine”, “Così” e altre testate giornalistiche, con contributi inerenti all’ambito educativo, formativo e artistico.
Appassionata di arti figurative è curatrice scientifica della Mostra “Van Gogh Multimedia Experience” nelle edizioni di Monreale, Venezia, Torino e Parma, Capitale Italiana della Cultura 2020-2021.
Nell’ambito delle scrittura creativa è autrice di numerose opere letterarie di vario genere che hanno riscosso consensi e riconoscimenti. Ha pubblicato i romanzi “Vincent in Love – il lavoro dell’anima” edito da Cairo, “La Diva Simonetta – la sans par” AIEP Editore, il romanzo Fantasy “Il bianco gelsomino – non esistono amori impossibili” Delos Digital, “Parlami in silenzio Modì” AIEP Editore. Nel 2021 ha pubblicato del romanzo storico “Lo specchio delle stelle” Nuova Ipsa Editore, il romanzo “Il diavolo sulla quarta corda – Nicolò Paganini e il suo Cannone” Soncini Editore, il romanzo "I fantasmi di Dioniso - Mario Tommaso Gargallo e il sogno del Teatro Classico a Siracusa" Morellini Editore.

Ti potrebbe piacere:

Lascia un commento