25 gennaio 2021. Un altro anniversario tragico nel ricordo di Amedeo Modigliani.

101 anni dalla morte della sua compagna Jeanne Hébuterne, madre di sua figlia Giovanna.

Jeanne rappresenta per Modì la purezza della giovinezza, unita alla sensualità e alla grazia di una bellezza pura, di cui Amedeo si innamora subito.

La prima rappresentazione grafica di Jeanne avviene in occasione dell’esposizione di alcune opere alla galleria Berthe Weill.

La proprietaria è una donna coraggiosa e sarcastica, amica di Picasso, di cui ha venduto alle prime tele quando ancora non è conosciuto.

La galleria è di fronte alla caserma della polizia ma, noncurante di tale particolare, l’esposizione prevede in vetrina un paio di nudi, con l’intento di richiamare l’attenzione del pubblico. In effetti lo stratagemma riesce e molti passanti si fermano davanti alla vetrina. Poco dopo entra un agente che chiede, sottovoce, di togliere i nudi dalle vetrine, ma madame Weill rifiuta, con il risultato di essere accompagnata in caserma.

Nei corpi voluttuosi delle donne di Modigliani è evidente l’accostamento alle figure femminili del Rinascimento. Modigliani conosce bene la classicità italiana, in quanto da ragazzo ha viaggiato con la madre, restando ammaliato davanti alla bellezza dei capolavori di Botticelli, ma anche ammirando molto la scultura dell’antichità greca.

Nella maturità parigina l’artista riesce a metabolizzare tutto ciò che ha visto e che ha appreso caparbiamente, traducendo quell’armonia, che ormai è diventata sua, nelle sagome delle donne, col collo allungato e il capo leggermente reclino.

I canoni dell’arte del ‘400 del ‘500 vengono tradotti nelle figure femminili che popolano l’universo di Modì, ritrovando la pienezza scultorea nei suoi nudi, lo stato d’animo di abbandono completo nelle mani dell’artista, in posa rilassata e pacata.

In questi dipinti, che sembrano delle statue, che emanano la forza del pennello che scivola sinuoso sulla tela, vi è spesso Jeanne Hébuterne.

Anche lei è stata un’artista, si è formata all’Académie Colarossi, scuola tra le più importanti di Parigi che accetta le studentesse e permette loro di dipingere modelli maschili.

Jeanne ama riprodurre figure femminili e in particolare la sua, ritraendosi con spirito deciso e forte, gli occhi fermi e maliziosi, utilizzando una vasta gamma di colori accesi con influenze orientaleggianti.

Autoritratto di Jeanne Hébuterne

L’ultimo suo lavoro è angosciante. S’intitola “Suicida”.

Suicida di Jeanne Hébuterne

La donna è nella sua camera su un letto bianco, si è appena pugnalata e dal petto sgorgano le prime gocce di sangue. Il ventre è rigonfio per la seconda gravidanza. Il colore rosso dei capelli della gonna e del sangue rivelano, fortemente, il suo dramma intimo.

Brano tratto dal romanzo “Parlami in silenzio Modì”:

Lei dischiuse leggermente gli occhi, e le pupille azzurre propagarono un fascio di luce perlata, che mi raggiunse nell’intimo.

Mi staccai ansimante, per timore di aver sbagliato:

«Scusatemi, piccola Jeanne. Mi sono lasciato trasportare dalla vostra bellezza. Non avrei dovuto».

Le ciglia lunghe batterono leggermente, rinvigorendo lo sguardo che andò dritto sul mio:

«Baciatemi ancora, ve ne prego. Baciatemi o morirò».

Informazioni sull'autore

Dirigente Scolastico e scrittrice, attualmente dirige un istituto di istruzione secondaria superiore a elevata complessità organizzativa, con indirizzi artistici, tecnici e professionali. Svolge funzioni ispettive nelle scuole statali e paritarie, è impegnata da molti anni nella formazione di figure apicali e dirigenziali della scuola, collabora con riviste specializzate del mondo educativo.
Per Edizioni Simone e Strige Edizioni ha pubblicato manuali di preparazione dei dirigenti scolastici e dei docenti, con largo consenso in ambito scolastico.
Per Euroedizioni ha pubblicato testi per la formazione dei dirigenti scolastici e collabora con i periodici “Dirigere la scuola” “Amministrare la scuola” “Fare l’insegnante”.
Scrive in riviste di attualità, come il mensile “Bella Magazine”, “Così” e altre testate giornalistiche, con contributi inerenti all’ambito educativo, formativo e artistico.
Appassionata di arti figurative è curatrice scientifica della Mostra “Van Gogh Multimedia Experience” nelle edizioni di Monreale, Venezia, Torino e Parma, Capitale Italiana della Cultura 2020.
Nell’ambito delle scrittura creativa è autrice di numerose opere letterarie di vario genere che hanno riscosso consensi e riconoscimenti. Ha pubblicato il romanzo “Vincent in Love – il lavoro dell’anima” edito da Cairo, il romanzo storico “La Diva Simonetta – la sans par” AIEP Editore, il romanzo Fantasy “Il bianco gelsomino – non esistono amori impossibili”, Delos Digital.
Ultima pubblicazione “Parlami in silenzio Modì” AIEP Editore 2020. Nel 2021 è prevista la pubblicazione del romanzo storico “Lo specchio delle stelle” Nuova Ipsa Editore.

Ti potrebbe piacere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *