Nizza, 31 dicembre 1918.

Lettera di Amedeo Modigliani a Zborowski.

Caro amico,

La bacio come avrei voluto se avessi potuto il giorno della sua partenza. Sto facendo bisboccia con Survage al Coq d’Or.

Ho venduto tutti i quadri. Mi invii presto il denaro. Lo champagne scorre a fiumi.

Auguriamo a lei alla famiglia i migliori auguri di buon anno.

Resurrectio vitae. Hic incipit vita nova. In novo anno!

Modigliani

(in russo per mano di Survage) Buon anno!

Nizza e l’ultima notte del primo anno!

Survage

Modigliani a Nizza

Amedeo Modigliani, un artista dalla vita contorta ed enigmatica.

Studiando la sua biografia, e analizzando la figura che è stata consegnata al grande pubblico attraverso il cinema, sembrerebbe che Modi sia stato un uomo sprezzante della vita, tanto da annegare nell’alcol e nell’uso delle droghe.

Eppure, studiando a fondo i documenti, emerge la sua malattia latente, ma pressante dall’intimo della sua corporeità. Modi è affetto da una meningite tubercolare che gli taglia il respiro, a volte non gli permette di continuare il suo lavoro.

Modi è caparbio e insiste. Ama la vita, nonostante per lui sia sempre stata piena di sofferenza. E il suo amore per l’esistenza è palese nei dipinti, nella posa immobile nel tempo dei suoi modelli, innalzati sul piano dell’immortalità, consegnati al grande pubblico come racchiusi in involucri ovattati, che suggellano un sentimento, un’espressione. Il fremito di un momento.

E allora, con le sue parole, alziamo i calici brindiamo al miracolo della vita.

Brano tratto dal romanzo “Parlami in silenzio Modì”, Aiep Editore:

“Andammo ancora fuori, sostenendoci per mano, fingendo di avere un futuro. Consci di possedere solo il presente.

La dipinsi ancora, vestita di nero, col pensiero rivolto a me quando non ci sarei stato più.

La solitudine di quella figura avrebbe colpito chiunque l’avesse vista, ma il colore roseo della pelle, profumata di pesca, sarebbe stato, per chiunque, un forte richiamo alla vita.

Un inno alla gioia dell’esistenza.”

Informazioni sull'autore

Dirigente Scolastico e scrittrice, attualmente dirige un istituto di istruzione secondaria superiore a elevata complessità organizzativa, con indirizzi artistici, tecnici e professionali. Svolge funzioni ispettive nelle scuole statali e paritarie, è impegnata da molti anni nella formazione di figure apicali e dirigenziali della scuola, collabora con riviste specializzate del mondo educativo.
Per Edizioni Simone e Strige Edizioni ha pubblicato manuali di preparazione dei dirigenti scolastici e dei docenti, con largo consenso in ambito scolastico.
Per Euroedizioni ha pubblicato testi per la formazione dei dirigenti scolastici e collabora con i periodici “Dirigere la scuola” “Amministrare la scuola” “Fare l’insegnante”.
Scrive in riviste di attualità, come il mensile “Bella Magazine”, “Così” e altre testate giornalistiche, con contributi inerenti all’ambito educativo, formativo e artistico.
Appassionata di arti figurative è curatrice scientifica della Mostra “Van Gogh Multimedia Experience” nelle edizioni di Monreale, Venezia, Torino e Parma, Capitale Italiana della Cultura 2020.
Nell’ambito delle scrittura creativa è autrice di numerose opere letterarie di vario genere che hanno riscosso consensi e riconoscimenti. Ha pubblicato il romanzo “Vincent in Love – il lavoro dell’anima” edito da Cairo, il romanzo storico “La Diva Simonetta – la sans par” AIEP Editore, il romanzo Fantasy “Il bianco gelsomino – non esistono amori impossibili”, Delos Digital.
Ultima pubblicazione “Parlami in silenzio Modì” AIEP Editore 2020. Nel 2021 è prevista la pubblicazione del romanzo storico “Lo specchio delle stelle” Nuova Ipsa Editore.

Ti potrebbe piacere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *