«Entrambi sapevamo dove ci avrebbe portato la nostra strada, ma in quel momento nulla aveva importanza, se non di godere della vicinanza l’uno dell’altra»

Amedeo Modigliani e Lunia Czechowska si incontrano a Parigi nel 1916 grazie al gallerista Léopold Zborowski. Lunia parlerà di questo incontro lungamente nel 1990, in un’intervista pubblicata sul “Tirreno”, rilascia ad Aldo Santini.

Così Lunia racconta il loro incontro:

“Lo vedo ancora attraversare il boulevard Monparnasse, un bel giovane con un grande cappello di feltro nero, vestito di velluto, una sciarpa rossa, le matite che gli uscivano dalle tasche e sottobraccio un’enorme cartella di disegni. Era Modigliani e venne a sedersi accanto a me. Fui colpita dalla sua distinzione, dalla radiosità e dalla bellezza degli occhi. Era insieme molto semplice e molto nobile. Com’era diverso da tutti gli altri nei minimi gesti, fin nel modo di stringere la mano!”

Da quel momento tra Modì e Lunia nasce un’amicizia profonda che accompagnerà il pittore fino alla fine.

Il primo dipinto che la ritrae ha il titolo “La femme au col blanc” del 1917.

La femme au col blanc, 1917

Lunia, durante l’intervista, svela un piccolo segreto; la tela a olio ancora fresca, cade per terra dove vi è un fiammifero che si appiccica al colore. Modigliani non vuole toglierlo e questo resto è ancora presente nel quadro.

Il dipinto, proveniente dal museo di Grenoble, sarà esposto in una mostra organizzata a Parma dalla Fondazione Magnani-Rocca fino al 18 luglio 2021, dove alcune opere di Modigliani saranno messe a confronto con importanti esempi della pittura senese trecentesca e quattrocentesca, dalla quale Modigliani è fortemente attratto.

Lunia è una delle poche persone che conosce la gravità del male di Modigliani e sa che il pittore eccede con l’alcol perché tormentato da un problema particolare: placare gli accessi di tosse.

Lunia Czechowska, 1919

Nel novembre del 1919 Lunia parte per il sud della Francia, in quanto afferma di averne bisogno per motivi di salute. Nei suoi ricordi ci sono molti elementi che fanno pensare che tra i due non ci sia solo amicizia, anche se la parola amore non viene mai pronunciata. Modigliani vorrebbe accompagnarla, ma Jeanne è già avanti con la gravidanza. Lunia ricorda con rammarico che se Modì fosse andato con lei forse avrebbe avuto qualche probabilità di vivere ancora.

L’ultima fotografia di Modigliani è del 1919. In essa gli occhi sono colmi di consapevolezza dolorosa.

Lunia riferisce nell’intervista:

“Amarlo significava rinunciare a tutto e a tutti per lui”.

Lunia non è disposta a farlo.

Lunia non sa della morte di Amedeo Modigliani, avvenuta il 24 gennaio 1920. Lei rientra a Parigi nel settembre del 1920, le dicono che Modì è tornato a Livorno, ma lei non è convinta.

Si rivedranno ancora, ma solo in un sogno.

Di questo racconto nel mio romanzo “Parlami in silenzio Modì”.

Brano tratto dal romanzo:

La visione di Lunia, in quel momento, mi diede la stessa impressione. Era una donna bellissima.

La purezza della sua anima la innalzava a livelli di spiritualità mai toccati prima e riusciva a comunicare con gli altri solamente attraverso il suo incedere, le movenze, la sua vicinanza.

Se solo fosse stato possibile, se avessi avuto tempo, avrei sperato, avrei creduto in un miracolo.

La dipinsi nella stessa posa di Nefertiti, con la statuarietà di una regina.

Ma Lunia rappresentava una regina senza re, senza castello, piena di una ricchezza interiore estrema.

Il quadro era quasi finito, eppure non resistetti, cedendo all’istinto di avvicinarmi a lei, fingendo che non fosse ancora pronto.

«Lunia» la accarezzai sul collo, leggermente, come si sfiora una statua. Sentii il calore della pelle fluire attraverso le mie membra. Lei mi guardò ferma, poi chiuse gli occhi.

Le lunghe ciglia si inumidirono.

Tremò di un respiro profondo. Ansimò con le palpebre socchiuse:

«Ti prego, non infrangere il sogno».

Non udii, non volli ascoltare.

Mi avvicinai ancora, in un moto irrefrenabile e le mie labbra furono sulle sue, delicatamente.

Informazioni sull'autore

Dirigente Scolastico e scrittrice, attualmente dirige un istituto di istruzione secondaria superiore a elevata complessità organizzativa, con indirizzi artistici, tecnici e professionali. Svolge funzioni ispettive nelle scuole statali e paritarie, è impegnata da molti anni nella formazione di figure apicali e dirigenziali della scuola, collabora con riviste specializzate del mondo educativo.
Per Edizioni Simone e Strige Edizioni ha pubblicato manuali di preparazione dei dirigenti scolastici e dei docenti, con largo consenso in ambito scolastico.
Per Euroedizioni ha pubblicato testi per la formazione dei dirigenti scolastici e collabora con i periodici “Dirigere la scuola” “Amministrare la scuola” “Fare l’insegnante”.
Scrive in riviste di attualità, come il mensile “Bella Magazine”, “Così” e altre testate giornalistiche, con contributi inerenti all’ambito educativo, formativo e artistico.
Appassionata di arti figurative è curatrice scientifica della Mostra “Van Gogh Multimedia Experience” nelle edizioni di Monreale, Venezia, Torino e Parma, Capitale Italiana della Cultura 2020-2021.
Nell’ambito delle scrittura creativa è autrice di numerose opere letterarie di vario genere che hanno riscosso consensi e riconoscimenti. Ha pubblicato i romanzi “Vincent in Love – il lavoro dell’anima” edito da Cairo, “La Diva Simonetta – la sans par” AIEP Editore, il romanzo Fantasy “Il bianco gelsomino – non esistono amori impossibili” Delos Digital, “Parlami in silenzio Modì” AIEP Editore. Nel 2021 ha pubblicato del romanzo storico “Lo specchio delle stelle” Nuova Ipsa Editore e il romanzo “Il diavolo sulla quarta corda – Nicolò Paganini e il suo Cannone” Soncini Editore.

Ti potrebbe piacere:

Lascia un commento