Johanna Bonger è la vera artefice della fama di Vincent van Gogh, permettendo al mondo intero di conoscere il genio di uno degli artisti più amati di tutti i tempi. Johanna a ventisette anni sposa Theo van Gogh, fratello di Vincent, unito all’artista da un fortissimo legame psicologico tanto da morire sei mesi dopo di lui, nel dolore e nella malattia.

Alla morte del marito a Johanna rimane il figlio neonato Vincent, centinaia di dipinti del pittore e le innumerevoli lettere che i fratelli si erano scambiati nel corso della vita.
Il fratello della donna le suggerisce di bruciare tutto, in quanto ritiene che la produzione di Vincent non abbia alcun valore, ma lei crede invece nell’arte del cognato e persevera nella sua intenzione di farla conoscere e apprezzare.
Johanna comincia a catalogare i quadri dell’artista, a organizzare a esposizioni delle sue opere e nel 1914 pubblica il primo volume dell’epistolario.
Fortunatamente anche Theo aveva avuto le stesse intuizioni della moglie e, prima di morire, fa firmare al resto dei parenti una liberatoria sulla produzione artistica di Vincent, che lo rende unico erede e fruitore degli eventuali diritti.
Così Johanna e il piccolo Vincent, nel giro di qualche anno, si troveranno possessori di un patrimonio immenso.

La mia visita a Auver-sur-Oise

La pubblicazione dell’opera “Vincent in Love – il lavoro dell’anima” edito da Cairo è stata frutto di un insieme di ricerche, approfondimenti, studi e riflessioni condotti da me al fine di restituire al lettore un’immagine estremamente umana e profonda del grandissimo artista.

Il lavoro di narrazione è stato elaborato scandagliando nel profondo la personalità di Vincent, biografia alla mano e, soprattutto, accompagnando la scrittura dall’analisi delle lettere, delle fonti critiche e dal contatto con i luoghi reali in cui è vissuto Van Gogh.

Il lavoro dell'anima

Brano tratto dal romanzo “Vincent in Love – il lavoro dell’anima”:

“Così mi voltai e andai via, fuggii dagli sguardi, dai commenti, dai progetti futuri, non riconoscendomi affatto in quella figura che tutti cercavano di delineare. Non avrei potuto più ascoltare le interpretazioni che la gente tentava di dare alla mia arte, disconoscendole puntualmente e cercando di placare l’impeto di prendere le opere che avevo prodotto, nella loro interezza, e seppellirle. Quanto avrei ancora resistito alla tensione che mi dilaniava quando mi trovavo davanti a un mio dipinto insieme ad altre persone e a dover ascoltare definizioni e descrizioni che rinnegavo, che sentivo lontane? Ma perché mai il senso di ogni lavoro non poteva essere definito ed enunciato chiaramente? Io stesso provavo sentimenti diversi a ogni accostamento, avvertendo la contraddizione di dare un’interpretazione diversa. Mi prese il dubbio che le opere fossero realmente vive e che, dall’interazione con gli altri, potesse nascere ogni qualvolta un dialogo differente. Un pezzo della mia anima era di sicuro lì dentro. E allora che prendessero la loro strada, io non ero in grado di seguirla e non me ne importava neanche più”.

Informazioni sull'autore

Dirigente Scolastico e scrittrice, attualmente dirige un istituto di istruzione secondaria superiore a elevata complessità organizzativa, con indirizzi artistici, tecnici e professionali. Svolge funzioni ispettive nelle scuole statali e paritarie, è impegnata da molti anni nella formazione di figure apicali e dirigenziali della scuola, collabora con riviste specializzate del mondo educativo.
Per Edizioni Simone e Strige Edizioni ha pubblicato manuali di preparazione dei dirigenti scolastici e dei docenti, con largo consenso in ambito scolastico.
Per Euroedizioni ha pubblicato testi per la formazione dei dirigenti scolastici e collabora con i periodici “Dirigere la scuola” “Amministrare la scuola” “Fare l’insegnante”.
Scrive in riviste di attualità, come il mensile “Bella Magazine”, “Così” e altre testate giornalistiche, con contributi inerenti all’ambito educativo, formativo e artistico.
Appassionata di arti figurative è curatrice scientifica della Mostra “Van Gogh Multimedia Experience” nelle edizioni di Monreale, Venezia, Torino e Parma, Capitale Italiana della Cultura 2020-2021.
Nell’ambito delle scrittura creativa è autrice di numerose opere letterarie di vario genere che hanno riscosso consensi e riconoscimenti. Ha pubblicato i romanzi “Vincent in Love – il lavoro dell’anima” edito da Cairo, “La Diva Simonetta – la sans par” AIEP Editore, il romanzo Fantasy “Il bianco gelsomino – non esistono amori impossibili” Delos Digital, “Parlami in silenzio Modì” AIEP Editore. Nel 2021 ha pubblicato del romanzo storico “Lo specchio delle stelle” Nuova Ipsa Editore, il romanzo “Il diavolo sulla quarta corda – Nicolò Paganini e il suo Cannone” Soncini Editore, il romanzo "I fantasmi di Dioniso - Mario Tommaso Gargallo e il sogno del Teatro Classico a Siracusa" Morellini Editore.

Ti potrebbe piacere:

4 commenti

  1. I am sure this piece of writing has touched all the internet viewers, its really really pleasant piece of writing on building up new blog.| Wilow Zak Levitt

  2. An outstanding share! I’ve just forwarded this onto a co-worker
    who had been doing a little research on this. And he actually bought me lunch because I stumbled upon it for him…

    lol. So allow me to reword this…. Thank YOU for the
    meal!! But yeah, thanks for spending some
    time to talk about this matter here on your blog.

Lascia un commento